Tomas Denis Calvagni: intervista al talento siciliano delle quattro ruote


33869725_10214626168720813_1137913875262341120_nTra i talenti siciliani che dominano le quattro ruote c’è anche il pilota italo argentino Tomas Denis Calvagni, campione italiano per quattro volte, che abbiamo voluto incontrare per farci raccontare gli ultimi successi che costellano una carriera cominciata in tenera età.

Tomas compendia in sé varie etnie (italo argentino, polacco e pure indiano del sud America) ma è nato da genitori argentini a Catania il 09 Agosto 1985. Residente a Catania, ha frequentato l’Istituto Statale d’Arte, conseguendo nel 2006 il Diploma di Maturità d’Arte Applicata nella sezione “Rilievo e Catalogazione”. Ha frequentato l‘Accademia di Belle Arti di Catania. Ha partecipato a svariati concorsi regionali e nazionali ottenendo notevoli consensi dalla critica e dal pubblico. Oltre alla pittura Tomas coltiva la sua passione per l’automobilismo nella Selezione Nazionale Piloti. Collabora con la Galleria d’Arte “Firme d’Autore” di Giarre.

Ecco il suo curriculum vitae sportivo con i primi posti conquistati:

  • 44 vittorie in carriera all’attivo nella categoria Sn1
  • Nel 2011 1’classificato alla super pole position cup
  • Nel 2012 campione italiano goldencup
  • Nel 2013 campione italiano goldencup
  • Nel 2014 campione italiano goldencup (kart e Formula) -Pilota dell’anno 2014
  • Nel 2015 pilota dell’anno
  • Nel 2016 campione italiano cat. Sn1-pro champions cup
  • Nel 2016 pure campione italiano 4Tcup
  • Nel 2017 vincitore alla Coppa dei Campioni di tutti i tempi SNP
 I 3 titoli di fila sono un record ancora imbattuto. Questi solo alcuni dei successi riportati da Tomas. Ecco quello che ci ha raccontato.
Salve a tutti sono Tomas, mi presento subito parlando del mio casco la cui decorazione si rifà ad un pilota di F1 degli anni 70′ Tom Pryce gallese, un talento morto prematuramente durante il gp di sud Africa del 77 a Kyalami, che considero uno dei miei riferimenti in questo ambito che mi vede impegnato a 360 gradi. 
Come unisci l’amore per l’arte con quella delle quattro ruote?
Ci sono altre passioni assieme a queste, come quella per la musica rock. Come disse Graham Hill: “la pista é la mia tela. La mia auto é il mio pennello, sin da piccolo ho sempre amato disegnare, e riesco a dare il meglio di me quando ritraggo una vettura . In questo modo trovo il giusto legame fra le mie passioni. Nel 2010 ho pure vinto il primo premio per il centenario dell’ Alfa Romeo partecipando ad un concorso di pittura. L’una vive bene in simbiosi con l’altra. 
Dove e quando nasce la tua passione per l’ automobilismo?
Si può dire sia nata e cresciuta con me, sin da piccolino ho sempre amato e preferito le auto da corsa al calcio. 
Fa parte di me della mia persona, nelle vene scorre benzina 
Quando hai cominciato a praticare questo sporta livello agonistico? 
Avrei voluto iniziare da piccolo, ma per la pericolosità e per mancanza di budget non sono riuscito. La mia avventura incomincia nel 2008, partecipando ad una due giorni in pista organizzati dalla Sparco, su 90 partecipanti mi sono piazzato al 3′ posto. Da lì ho avuto accesso al mondo Selezione Nazionale Piloti, vincendo da subito all’esordio due gare ( record ancora imbattuto).
A quali importanti competizioni hai partecipato?
Ho sempre corso alla selezione, un campionato a livello nazionale, nel quale si corre con ogni tipo di mezzo, dal kart, vetture gruppo N e monoposto. Ho vinto 4 volte il titolo italiano di cui 3 di fila (record imbattuto) 2012,2013,2014 e 2016 e quest’ anno forse arriva il 5′.
Cosa significa per te gareggiare in auto? descrivici quali emozioni ti suscitano le competizioni?
Correre e competere per me sono l’essenza, calarmi in un abitacolo da corsa abbassare la visiera e stringere il volante e spingere sul pedale del gas mi fa sentire vivo, la concentrazione mi spinge oltre il mio limite.
A livello regionale come è la situazione di questo sport che pratichi?
La situazione regionale come quella nazionale e si può dire mondiale per tutto il motorsport è la stessa: ci sono troppe spese per poter gareggiare , i costi  sono eccessivi per tutto.  Quella della Selezione Nazionale Piloti è una bella realtà nel nostro Paese, ti permette di gareggiare ad altissimi livelli con poco. Riesce a dare opportunità a chi ama questo tipo di competizioni. 
Consiglieresti di intraprendere il tuo stesso percorso? quali sono stati i successi più importanti e le sconfitte più cocenti che ti hanno tuttavia insegnato una lezione?
Consiglio vivamente a chi come me ha questa grande passione, di crederci e di provare perché regala tante emozioni.
Non vi è una sconfitta in particolare, diciamo che lavoro molto su me stesso, come uomo e come pilota, non si smette mai di imparare e migliorare, e faccio di tutto mettendo cuore, grinta e testa. I miei risultati ne sono il frutto tangibile di ogni sforzo. Ho vinto tanto, ma non placo mai la mia fame di vittoria. Spero che presto ne arrivino altre di vittorie.
Quali sono i tuoi progetti attuali e futuri?
Da circa due anni sto facendo l’istruttore in pista, mi piacerebbe continuare a specializzarmi in questo, far crescere nuovi piloti e trasmettere loro la mia conoscenza, proprio come il mio amico istruttore Nicola Castiglione. 

Guarda i video delle sue performance:

https://www.facebook.com/chiara.musumeci.1992/videos/vb.1533166993/10214162820414490/?type=2&video_source=user_video_tab

https://l.facebook.com/l.php?u=https%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fchannel%2FUCYIc0U2Jo80VSd6WNeujhsg&h=ATMmOafvscz8ZNwUiYGtbtINDllQtQiJvyirg5m2nxC6KNOCTvcGBMQ65P83fDoMlDnfDdrLX0tGe6kxlz9DUhSBarNo77AlE_gL8u-KOA

What's Your Reaction?
SARCASTICO! SARCASTICO!
3
SARCASTICO!
DELIZIOSO! DELIZIOSO!
2
DELIZIOSO!
LOVE!!! LOVE!!!
4
LOVE!!!
OMG!!! OMG!!!
2
OMG!!!
PAURA!!! PAURA!!!
0
PAURA!!!
LOL! LOL!
2
LOL!
FUNNY! FUNNY!
1
FUNNY!
WIN! WIN!
2
WIN!

Tomas Denis Calvagni: intervista al talento siciliano delle quattro ruote

log in

reset password

Back to
log in