MARIANGELA CANNAROZZO, SCEGLIERE LA FELICITÀ


 

di Antonio Omero

Scegliere la felicità è un dialogo tra due donne quarantenni che si sono fatte da sole, creando ciò che hanno e che non hanno, nella libertà, e che certamente aspirano alla felicità e ai suoi momenti, che riescono ad assaporare la vita o comunque ad estrabolare ogni “lezione” che la vita porge, in positivo. Il libro nasce dalle loro chiacchierate su temi della vita e della quotidianità, in tutte le sue sfaccettature e i suoi colori.  

 

Mariangela Cannarozzo ti vuoi presentare ai nostri videolettori di Buone Notizie dalla Sicilia?

Si Salve, io sono Mariangela Cannarozzo, ennese, ho già vissuto 45 primavere,  sono una psicologa ed una psicoterapeuta, esercito anche la professione di grafologa forense da vent’anni.

Scegliere la Felicità, Pathos Edizioni Torino, è il tuo primo libro?

Si, si assolutamente si! Io non sono una scrittrice,  lo dico, onestamente, non nasco come scrittrice, sono una psicoterapeuta, ricordo che una volta una mia amica collega mi disse: “Ma la fai davvero la psicologa?” Si, la faccio davvero, certo! Ora, scherzi a parte, la faccio perchè mi piace molto l’attività clinica, mi piace molto lavorare con l’animo delle persone, e, quindi, non sono una scrittrice, però tutto nasce quattro anni fa, da una chiacchierata insieme a questa mia amica Tiziana Agnitelli di Viterbo con la quale, a quattro mani, abbiamo scritto questo libro, tutto nasce dalle nostre conversazioni via social, ma anche di presenza, con la scusa di rilassarci, abbiamo fatto un po’ e un po’, una volta scendeva lei a vedere la Sicilia che le piace moltissimo, in quanto terra meravigliosa, oppure io andavo da lei a fare un po’ di terme, un modo per rilassarsi e dalla nostra amicizia e dalle nostre chiacchiarate sui temi della vita e dell’esistenza, ad un certo punto questi pensieri prendevano forma …

Il sottotitolo è Dialoghi aperti e aperte visioni…

Si, si proprio così, perchè trattiamo dialoghi aperti e visioni aperte verso la vita e il mondo, saremo presto a Torino al Salone del Libro e sarà una bella emozione sicuramente.

E poi avrete un giro in tutte le più importanti librerie italiane…

Adesso, dopo la prima tappa che è Torino, sicuramente ci organizzeremo a fare un bel giro in tutta Italia per promozionare il nostro lavoro.

Come sarà questo libro?

Ancora io non ho avuto il piacere di toccarlo fisicamente perchè ancora non è pronto, sarà composto di 120 pagine con disegni e foto, il libro tratterà diversi temi della vita e lo abbiamo suddiviso in cicli vitali, ci sono tutti e dodici mesi dell’anno, e ogni mese dell’anno sarà accompagnato a delle immagini,  che sono poi delle foto che noi poi abbiamo catturato dalla nostra esperienza, dalla nostra quotidianità, c’è anche il nostro mare, il nostro vulcano che io non potevo non mettere, onestamente…

E in quale mese lo hai messo?

Luglio, luglio…  c’è il mare e il vulcano, ricordo che tornavo da una gita che avevo fatto a Napoli, e strada facendo dal mare vedevo l’Etna e mi dicevo no, no questo va catturato, lo devo mettere nella nostra creatura, ecco sì perchè il nostro libro è la nostra creatura.

Quindi, è un dialogo tra la natura e le persone?

No, è un dialogo tra di noi, la natura c’è perchè la natura è lo sfondo della nostra vita, noi siamo aiutati moltissimo dalla natura, a me piace molto la natura, perchè un amore che si può avere sicuramente è quello verso la natura, e quindi, dicevo, caro Antonio, che il libro è suddiviso in tutti i mesi dell’anno, ed ogni mese tratta un ciclo vitale e tratta un tema, i più vari, l’amore, il rapporto con gli altri, la resilienza…

Spieghiamo ai nostri lettori cos’è la resilienza?

La resilienza è una competenza che l’essere umano in realtà attiva, è una reazione dell’organismo tutto, mente (psiche) e corpo, di fronte ad una difficoltà c’è una reazione, c’è una trasformazione, c’è qualche cosa che diventa poi il bello ella persona.  Un messaggio in positivo. Anche lì ho messo una foto, dal vivo, la foto della perla con l’ostrica, perchè il meccanismo della resilienza, per eccellenza, nasce proprio dalla formazione  che l’ostrica realizza come reazione al corpo estraneo che è la sabbia e tutti gli elementi intrusivi della zona, in questo caso del mare, e la perla è il risultato, questa cosa io l’ho letta e mi ha molto colpita perchè questa cosa succede anche all’animo umano, l’attivazione della perla che per difendersi, piano piano, crea questo materiale madreperlaceo che poi diventa la perla. E quindi, se ci pensiamo l’essere umano diventa resiliente di fronte ad una difficoltà, diventa più forte di fronte ad un ostacolo.

L’argomento più intimo, c’è qualcosa che parla di voi due autrici in Scegliere la felicità?

Si, assolutamente si, non è autobiografico, però in parte lo è perchè ognuna di noi dice quali sono le proprie esperienze, i propri punti di vista rispetto a determinati temi.

È un libro fifty/fifty, scritto da due autrici?

Si, si è scritto a quattro mani, carino per noi, è la nostra creatura, è la nostra prima realizzazione.

È bello anche perchè è la Sicilia che s’incontra con il Lazio…

Si è proprio una buona notizia che possiamo dare, ma poi c’è anche uno scambio culinario, che diventa anche un incontro per le anime, perchè se tu mangi bene puoi stare anche bene! E quindi, quando noi stavamo insieme a scrivere, mangiavamo anche bene.

E bevevate anche bene?

Allora il vino utilizzato a piccole dosi che accompagna un pasto, fa bene… se porto la mia amica a mangiare sulla costa ionica del buon pesce, non posso non proporle un bianco dell’Etna… ci sta!

Come anche lei, quando siamo andate a gustare anche lì, in Lazio, delle cose tipiche, mi ha offerto del buon vino laziale. Tiziana quando viene in Sicilia la prima cosa che mi chiede è assaggiare il cannolo di ricotta e la granita siciliana… e i limoni, mi chiede sempre arance e limoni!

Un motivo per cui il lettore dovrebbe comprare Scegliere la felicità?

Per riflettere, per stare un poco con se stesso, per provare anche un attimino a pensare diciamo altro, no? Per ritrovare il contatto con se stesso, e poi perchè se vogliamo avvicinarci o sostare accanto alla felicità, a tutti noi interessa… leggere la nostra creatura potrà fare solo bene.

E il prezzo del vostro libro?

Dodici euro, pochissimo se risulterà utile Scegliere la felicità!

Vuoi lasciare un messaggio ai lettori del nostro Portale positivo buonenotiziedallasicilia.tv?

Un primo messaggio è che Scegliere la felicità è un libro molto emotivo,  nel senso che proprio parla di emozioni, il motore della nostra vita.  Spero di avere dei feedback, di tutti i tipi, perchè potrebbe anche non piacere, c’è per questo motivo anche una pagina su FB scegliere la felicità.

Un messaggio finale ai lettori è che la vita è bella e nonostante tutto ci sono sempre degli aspetti positivi che vanno cercati, che vanno colti e poi il sorriso, il sorriso è fondamentale, se guardiamo di più al nostro dentro diventa tutto più gestibile, non è una magia, poi magari la magia si realizza in altri modi, però l’animo umano ha delle potenzialità veramente incredibili. Si può sorridere anche per mantenere la felicità, perchè non c’è nulla di scontato in questa vita. Antonio, tu m’insegni!

Mantenerla viva è necessario.

 

Tu quest’anno riceverai, domenica 16 giugno al Parco comunale di Nicolosi, il Premio Donna Siciliana 2019, che emozione ti da?

Ah! Me lo stai dicendo ufficialmente adesso… che bello! Sono felice. Essere donna siciliana e sentire l’amore della nostra terra è entusiasmante. Io sono legata tantissimo alla Sicilia. Molti mi dicono ma perchè non provi a fare concorsi fuori? Ma io dico sempre che non mi voglio trasferire, perchè adoro la terra in cui vivo. C’è una grande energia in Sicilia e va benissimo così! Voglio questo … e grazie a te, Antonio.


Like it? Share with your friends!

1
What's Your Reaction?
SARCASTICO! SARCASTICO!
0
SARCASTICO!
DELIZIOSO! DELIZIOSO!
0
DELIZIOSO!
LOVE!!! LOVE!!!
1
LOVE!!!
OMG!!! OMG!!!
1
OMG!!!
PAURA!!! PAURA!!!
0
PAURA!!!
LOL! LOL!
0
LOL!
FUNNY! FUNNY!
0
FUNNY!
WIN! WIN!
0
WIN!

MARIANGELA CANNAROZZO, SCEGLIERE LA FELICITÀ

log in

reset password

Back to
log in