LAURA PAXIA Una donna speciale diventa buona notizia siciliana!


Condividi con noi

di Antonio Omero

 

Maria Laura Paxia, donna speciale, al servizio della collettività nelle prossimi elezioni nazionali con il Movimento Cinque Stelle, presentati a 360° al nostro vasto pubblico di video lettori.

Cominciamo con il dire che mi chiamo Laura più che Maria Laura, a parte le battute sono un’imprenditrice ed ho fondato la mia azienda 19 anni fa.
Sin da subito mi sono occupata di comunicazione online ed in particolare di misurazione dei media digitali ed ho avuto la fortuna di vivere internet sin dall’inizio e di apprezzarne la naturale evoluzione.

Mi ha sempre  affascinato l’idea della “democrazia” che caratterizza questo nuovo media che permette a tutti di condividere idee, esperienze e business in generale di far sentire la propria voce.

L’informatica e la comunicazione on line quando diventa “utility” per la collettività e quando male oscuro del mondo?
Internet e l’innovazione tecnologica sono una grande opportunità per il futuro ed in generale per l’umanità, esistono però delle regole da rispettare, tanti sono gli Stati che stanno cercando di regolamentare alcuni comportamenti su internet, come per esempio nel campo del Cyberbullismo, alcuni comportamenti sono già considerati reati.

La comunicazione online diventa il nuovo paradigma per comunicare all’interno dei media digitali.

Ci spieghi in cosa consiste lo sviluppo di ImetriX prima soluzione di Web Intelligence in Italia, per il quale hai ricevuto un importante premio da parte del Ministero delle Telecomunicazioni nel 2002?

Nel 2002 la mia azienda  ha sviluppato una delle prime soluzioni che partendo dalle analisi dei comportamenti dei navigatori sui siti Internet forniva dei parametri per ottimizzare l’esperienza di navigazione degli utenti, oltre a fornire parametri per ottimizzare i contenuti e gli investimenti di marketing. E’ stato un progetto molto interessante e innovativo divenuto Microsoft® Success Case.

Nel 2007 entri nel board internazionale della Digital Analytics Association rappresentando l’Europa come “Director at large”, ci spieghi l’importanza di questa tua esperienza?
Ho avuto modo di entrare nel direttivo dell’associazione delle aziende che nel mondo si occupano di misurazione di media digitali, tra queste Google, Yahoo, Adobe, ecc…
Misurazione e analisi sono alla base di tutte le attività che si effettuano online.
Ogni nostra attività genera milioni di dati ( i c.d.. Big Data), se quindi, scattiamo una foto con il nostro cellulare, pubblichiamo un post su Facebook  o attiviamo google maps stiamo generando dati, l’interpretazione e la lettura di questi dati consente di prevedere epidemie, rivoluzioni, risultati elettorali.. insomma tutto il futuro prima che accada.

Nel 2012 crei Social Media TV, un sistema per la misurazione delle interazioni tra social media e trasmissioni televisive (come MasterChef, Xfactor, Le Iene, Servizio Pubblico, Ballarò ed altre…), come dire la trasformazione televisiva da passiva in attiva, ma sempre al servizio dei Cittadini?

In quel periodo si era diffusa l’abitudine di utilizzare i social media mentre si guardava la TV, e molti erano gli utenti che mentre seguivano un programma televisivo, amavano entrare in contatto con i social di riferimento della trasmissione, noi ci siamo occupati di rilevare il sentiment che aleggiava sui social durante le trasmissioni.

Ricordo che dalle analisi avevamo già capito chi avrebbe vinto MasterChef.

Infine nel 2015 crei imetrixBi prima soluzione italiana per la lotta alla contraffazione online e alla pirateria, da cosa è nata questa tua rivoluzionaria idea e quali sono stati i risultati raggiunti fino ad oggi?

Come ti dicevo la misurazione è stata per me sempre un’ossessione, quindi utilizzando le nostre esperienze in questo campo ci siamo spostati dalla misurazione dei siti e dei social verso la analisi della reputazione dei brand e come e dove venivano contraffatti prodotti e contenuti digitali. Da questa necessità è nata imetrixBi una innovativa soluzione per il contrasto della contraffazione online e della pirateria digitale che opera su tutti i canali digitali.

Nel 2016 svolgi con l’Antitrust la più grande operazione condotta dall’Autorità Garante

della Concorrenza e del Mercato (AGCM) da quando dedica la propria attenzione alla tutela del consumatore in materia di commercio online che porta all’oscuramento di 174 siti; qual era il tuo compito specifico in questa utile attività di difesa del compratore?

Abbiamo aiutato l’Antitrust che sapendo della nostra soluzione ha voluto avvantaggiarsene ed in pochi giorni è riuscito a ricevere tutte le informazioni necessarie. Anche in questo caso la tecnologia è stata determinante e lo sarà sempre più, anche per la tutela del Made in Italy.

Oggi sei impegnata nell’internazionalizzazione di imetrixBi con particolare attenzione

all’Asia, ma ad un certo preciso momento hai deciso di scendere in campo con il M5S per rappresentare, come portavoce dei bisogni “dal basso”, la cittadinanza catanese, ti chiedo, con interesse e curiosità, perchè lo stai facendo?

Ti dico la verità… ho raccolto l’appello di Di Maio e del Movimento 5 Stelle sentendo, dopo anni di insoddisfazione politica, il dovere morale di scendere in campo per poter dare in prima persona un concreto contributo al cambiamento del nostro paese.

Il nostro slogan è Partecipa, Scegli, Cambia. Credo davvero che dobbiamo impegnarci tutti per liberare il nostro paese da questa classe politica che ci tiene in ostaggio da troppi anni. Quando vado in giro per il mondo vedo gli altri paesi crescere rapidamente… noi andiamo indietro nonostante i talenti e le grande eccellenze italiane.

Sei appassionata di viaggi e sport e pratichi a livello agonistico il triathlon, ci comunichi la tua idea di “donna realizzata del 2.0” e cosa vuoi dire ai nostri giovani che spesso si trovano confusi e scarsamente preparati ad affrontare il futuro?

La conoscenza delle tecnologie può davvero  rappresentare una svolta e un riscatto per i tutti i giovani ma in particolar modo per i ragazzi meridionali. Un caso emblematico è Salvatore Aranzulla che partito da un piccolo borgo in Sicilia è diventato oggi il più noto divulgatore informatico in italia. Nulla è semplice, ci vuole tanto impegno, sacrificio e la flessibilità ad adeguarsi continuamente ai cambiamenti sociali e tecnologici. Chi non farà  questo sforzo inevitabilmente resterà indietro. E’ questo il vero Digital Divide.

Cosa ne pensi del nostro portale positivo che racconta solo buone notizie dalla nostra terra tanta mal posta, come immagine, a livello mondiale? E lascia un messaggio ai nostri video lettori sulla tua futura attività politica in caso di elezione al Parlamento italiano.

Vi apprezzo molto per la visione positiva della nostra terra, io sono molto orgogliosa di essere siciliana e non mi dimentico che al referendum la Sicilia è stata la regione con il più alto numero di “NO”.
Sento un’aria nuova che profuma di cambiamento e sono convinta che l’italia ripartirà proprio dalla Sicilia, da sempre terra di eccellenze.

L’onda del cambiamento e dell’innovazione sta crescendo e potrebbe presto spazzare via tutto ciò che la mala politica ha determinato.


Like it? Share with your friends!

1
What's Your Reaction?
SARCASTICO! SARCASTICO!
0
SARCASTICO!
DELIZIOSO! DELIZIOSO!
1
DELIZIOSO!
LOVE!!! LOVE!!!
1
LOVE!!!
OMG!!! OMG!!!
0
OMG!!!
PAURA!!! PAURA!!!
0
PAURA!!!
LOL! LOL!
0
LOL!
FUNNY! FUNNY!
0
FUNNY!
WIN! WIN!
0
WIN!

LAURA PAXIA Una donna speciale diventa buona notizia siciliana!

log in

reset password

Back to
log in