E’ siciliano l’olio d’oliva più antico del mondo


olio

castelluccio-di-notoDopo aver scoperto che in Sicilia si trova il vino più antico del mondo a Sciacca e Caltagirone, un’altra sorprendente scoperta arricchisce la storia della nostra Isola: risale a oltre 4.000 anni fa, come indicano i resti trovati in una giara di ceramica e in altri frammenti di terracotta rinvenuti negli anni ’90 in Sicilia, a Castelluccio di Noto, in provincia di Siracusa,  l’olio d’oliva più antico del mondo. Finora le altre tracce antiche dell’olio d’oliva erano state individuate in alcuni vasi scoperti a Cosenza e a Lecce e risalenti al XII e XI secolo a.C.

I frammenti sono stati analizzati soltanto adesso dal gruppo del ricercatore italiano, Davide Tanasi, che lavora nell’americana University of South Florida, e che ha pubblicato il risultato sulla rivista Analytical Methods.

I ricercatori hanno individuato tracce di acidi oleico e linoleico, che sono le firme dell’olio d’oliva, in alcuni frammenti di terracotta e in una giara in ceramica rinvenuti oltre 20 anni fa, risalente all’età del Bronzo e in particolare al periodo compreso tra la fine del 3.000 a.C e l’inizio del 2.000 a.C.

Tutti i resti, rinvenuti durante gli scavi,  sono conservati nel Museo Archeologico di Siracusa dove negli ultimi anni sono stati restaurati e riassemblati. I restauratori del museo hanno così ricostruito completamente la giara in ceramica (ottenuta ricomponendo 400 frammenti), alta un metro, dalla forma simile a quella di un uovo, con tre maniglie sui lati e contenente al suo interno residui di sostanze organiche. Nello stesso sito erano stati trovati anche i frammenti di altri due contenitori in terracotta, contenenti anch’essi tracce di sostanze organiche e per identificare la natura di queste sostanze, i ricercatori, adesso, hanno analizzato chimicamente i resti.

Castelluccio di Noto è un sito archeologico localizzato tra i comuni di Noto e Palazzolo Acreide e che ha dato il nome all’omonima cultura di Castelluccio. Il sito venne localizzato dall’archeologo Paolo Orsi che lo datò tra il XIX ed il XV secolo a.C. e, pertanto, alla prima età del bronzo siciliana. Gli studiosi hanno individuato il piano dell’abitato, posto su uno sperone roccioso, una sorta di acropoli fortificata e, la necropoli. La necropoli consta di oltre 200 tombe a grotticella artificiale, scavate nelle pareti ripide della vicina cava della Signora. La più monumentale è la cosiddetta “Tomba del Principe” con un prospetto costituito da quattro finti pilastri.

Dal sito vengono numerosissimi materiali ceramici, oggi esposti al museo archeologico “Paolo Orsi” di Siracusa, oltre a reperti in bronzo e due famosissimi portelli tombali con incisi simboli spiraliformi.


What's Your Reaction?
SARCASTICO! SARCASTICO!
0
SARCASTICO!
DELIZIOSO! DELIZIOSO!
0
DELIZIOSO!
LOVE!!! LOVE!!!
0
LOVE!!!
OMG!!! OMG!!!
0
OMG!!!
PAURA!!! PAURA!!!
0
PAURA!!!
LOL! LOL!
0
LOL!
FUNNY! FUNNY!
0
FUNNY!
WIN! WIN!
0
WIN!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

E’ siciliano l’olio d’oliva più antico del mondo

log in

Don't have an account?
sign up

reset password

Back to
log in

sign up

Captcha!
Back to
log in