Mandorle Siciliane: eccellenza e tradizione


mandorle

mandorle-sicilianeLa Sicilia è ricca di prodotti tipici grazie al suo clima e alla sua terra. Avendo ospitato durante i secoli molte popolazioni ha avuto modo di arricchire non solo la sua cultura ma anche la sua tradizione agroalimentare e enogastronomica. Un esempio per tutti: l’introduzione da parte degli Arabi degli agrumi che oramai sono uno dei simboli maggiori dell’isola.

Non solo. Altre tipicità di uguale importanza possono essere il pistacchio di Bronte o il vino nero d’Avola. O ancora i suoi dolci i cui ingredienti sono non solo il pistacchio or ora ricordato ma anche le mandorle.  Tra tutte le varietà di mandorla siciliana spicca quella di Avola che è poi quella maggiormente utilizzata nelle confetterie e pasticcerie.

Una lunga tradizione agricola e alimentare lega la Sicilia alla mandorla. Furono i Fenici a introdurla sull’isola e gli Arabi a ricavare da essa dolci e bevande. Nonostante la forte concorrenza dei prodotti stranieri (soprattutto le mandorle californiane che costituiscono la stragrande maggioranza di mandorle esportate nel mondo), la mandorla siciliana si distingue non solo per il sapore inconfondibile ma anche per il suo guscio duro che ben protegge il seme dai parassiti e per le accentuate proprietà benefiche e salutari rispetto alle sue “concorrenti”. Ha infatti maggiore capacità di ridurre il colesterolo, contiene più ferro e vitamine e ha anche una maggiore quantità d’olio. Caratteristica questa che la rende meno asciutta e legnosa rispetto ad altre varietà.

Nei secoli la coltivazione delle mandorle coinvolgeva non solo i proprietari terrieri ma interi paesi: raccolte ad agosto quando il frutto si apriva, venivano sgusciate dalle donne e poi messe ad asciugare al sole. In seguito venivano tritate sempre delle donne che, in cambio della loro opera, ricevevano i gusci per ricavarne una sorta di combustibile a uso domestico.

Ora i sistemi di raccolta e separazione del seme dal guscio sono certo più moderni e la produzione dolciaria legata alle mandorle è  più sofisticata. Ma i prodotti sono gli stessi: i confetti,il torrone, la pasta reale, la cassata, il latte di mandorle, il biancomangiare etc. Non solo agricoltura quindi ma un indotto con regole e controlli per verificare la qualità del prodotto e consorzi per tutelare i produttori nel mercato globale. Consideriamo infatti che la Sicilia produce circa la metà delle mandorle coltivate in Italia e che quindi si sono resi necessari sistematici controlli della filiera (dal campo alle ditte dolciarie etc) con disciplinari e campagne di informazione a tutela del prodotto stesso.

Il censimento dell’agricoltura del 2010 indicava la presenza di mandorleti in circa l’ottanta per cento dei comuni siciliani. Proviamo dunque a pensare a tutti i tipi di utilizzo di questo preziosissimo seme: dalla massaia che prepara i dolci in famiglia al pasticcere, dall’industria dolciaria a quella cosmetica.

 

(Fonte: https://www.lacannoleriasiciliana.it).

What's Your Reaction?
SARCASTICO! SARCASTICO!
0
SARCASTICO!
DELIZIOSO! DELIZIOSO!
0
DELIZIOSO!
LOVE!!! LOVE!!!
0
LOVE!!!
OMG!!! OMG!!!
0
OMG!!!
PAURA!!! PAURA!!!
0
PAURA!!!
LOL! LOL!
0
LOL!
FUNNY! FUNNY!
0
FUNNY!
WIN! WIN!
0
WIN!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Mandorle Siciliane: eccellenza e tradizione

log in

Don't have an account?
sign up

reset password

Back to
log in

sign up

Captcha!
Back to
log in