L’architetto siracusano Vincenzo Latina premiato per il suo progetto di copertura per l’Arena di Verona


Verona- E’ stata pubblicata proprio in questi giorni  la graduatoria dei vincitori del concorso promosso dal Comune di Verona, relativo alla Copertura di una delle strutture più importanti della città, ovvero la storica Arena.

Un vero e proprio velario tecnologico. Capace di aprirsi velocemente e richiudersi a scomparsa come una macchina scenica nell’anello di copertura celato nell’ellisse dell’anfiteatro. Ecco la peculiarità del progetto elaborato dallo Studio SBP&GMP di Berlino e Stoccarda, vincitore del primo premio del Concorso Internazionale di idee per la copertura dell’Arena di Verona (simbolo della città veneta e patrimonio culturale nazionale) sostenuto dal grande gruppo del fashion italiano Calzedonia rappresentato dal suo presidente Sandro Veronesi, che ha presenziato alla cerimonia di assegnazione, avvenuta nella sede prestigiosa dell’Aula Magna del Politecnico di Milano, sede delle Facoltà di Architettura e di Ingegneria. Ed è stato proprio il connubio tra queste due discipline, tra arte e tecnologia, innovazione e leggerezza, unite a un grande rispetto per i vincoli paesaggistici del monumento e della piazza a convincere la giuria (composta da sette membri tra cui due dirigenti comunali e cinque esperti) all’unanimità ottenendo così i 40mila euro, messi a disposizione da Calzedonia, primeggiando tra oltre ottantasette progetti presentati (di cui ottantaquattro esaminati) in oltre cento ore di lavoro.

Elegante, sostenibile, non invasivo (e fattibile, anche dal punto di vista economico), mette le basi per la discussione di una eventuale realizzazione di una copertura dell’Arena, con l’obiettivo di garantire la protezione dei gradoni del monumento dagli agenti atmosferici e una sua migliore conservazione, migliorandone al contempo la fruibilità per le attività di spettacolo, oggi condizionate in caso di maltempo. L’obiettivo del concorso è garantire ulteriormente la salvaguardia e la conservazione dell’antica struttura, perfezionando inoltre la sua fruizione quale luogo di spettacolo, grazie a una soluzione progettuale di equilibrata coesistenza e rispetto del monumento.

Ricordiamo che L’Arena è è un anfiteatro romano situato nel centro storico di Verona, icona della città veneta (insieme alle figure di Romeo e Giulietta), risalente al I secolo d. C., ed è uno dei grandi fabbricati che hanno caratterizzato l’architettura ludica romana ed è l’anfiteatro antico con il miglior grado di conservazione, grazie ai sistematici restauri realizzati fin dal ‘600. D’estate ospita il celebre festival lirico e vi fanno tappa molti cantanti e musicisti internazionali.

A vincere il concorso, lo studio di ingegneria tedesco Schlaich Bergermann and partners insieme con gli architetti del gruppo Gerkan Marg and partners. Il progetto vincitore di 40, 000 euro, prevede il raccoglimento del telo di copertura (circa 12,000 metri quadrati) su un unico lato a scorrimento. Il telo – e’ stato spiegato in conferenza stampa – va a nascondersi sull’anello di copertura, con la possibilità di nascondere i cavi nel periodo in cui non c’e’ bisogno di copertura.

Il secondo premio, di 20 00 euro, è andato al progetto RTI Capogruppo  strutturato come un “portico sommitale”, presentato dall’architetto siracusano Vincenzo Latina, basato su un sistema di camera d’aria indipendente.

Il terzo, di 10 00 euro, è andato al consorzio italo-spagnolo con capogruppo Roberto Ventura di Codogno, con un progetto che raccoglie il telo centralmente. Circa il 28 per cento dei progetti presentati erano stranieri (in totale 24, di cui 13 tedeschi, 11 extra Ue, ovvero da Giappone, Argentina, Gran Bretagna, Usa e Svizzera).

L’Architetto Latina nasce a Floridia, in provincia di Siracusa, nel 1964. Si laurea in Architettura allo Iuav di Venezia con Francesco Venezia sotto la cui guida elabora una tesi che, già orientata verso tematiche e luoghi che saranno fondamentali nella definizione della sua attività professionale, progetta un museo archeologico presso l’area dell’ex chiesa di San Sebastianello sull’isola di Ortigia, il centro storico di Siracusa. Dopo la laurea inizia a lavorare nello studio napoletano di Venezia fino all’avvio, nel 1992, di un’attività professionale autonoma che viene accompagnata anche dall’impegno come ricercatore e docente, a partire dal 2001 e dopo il completamento di un dottorato di ricerca in Progettazione architettonica all’Università di Palermo.  Comincia a realizzare dei micro interventi di riqualificazione urbana nell’isola di Ortigia che sono stati anche riconosciuti nel 2006 nella sezione italiana del Premio Gubbio dell’Ancsa (Associazione nazionale centro storico artistici). Accanto ad essi anche la realizzazione del giardino di Artemide nell’area dell’ex chiesa di San Sebastianello accanto al Palazzo comunale (2003-2005), che è valso a progettista e committente il premio Ala-Assoarchitetti under 40 all’edizione 2003-2004 del Dedalo Minosse, e il minuscolo e celebrato padiglione-museo di accesso agli scavi dell’Artemision (2007-2012), che è valso al suo progettista il premio più prestigioso, la Medaglia d’Oro della Triennale di Milano nel 2012. Ha ottenuto anche il Premio Innovazione e Qualità urbana (2008) e il Premio internazionale di architettura in pietra “ARCH&STONE” (2013).  Latina è stato nominato Architetto dell’anno nel 2015 dal Consiglio nazionale degli Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatoriInoltre insegna Composizione architettonica e urbanistica all’Università di Catania.

Un talento di cui la Sicilia va enormemente fiera.

What's Your Reaction?
SARCASTICO! SARCASTICO!
0
SARCASTICO!
DELIZIOSO! DELIZIOSO!
0
DELIZIOSO!
LOVE!!! LOVE!!!
0
LOVE!!!
OMG!!! OMG!!!
0
OMG!!!
PAURA!!! PAURA!!!
0
PAURA!!!
LOL! LOL!
0
LOL!
FUNNY! FUNNY!
0
FUNNY!
WIN! WIN!
0
WIN!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

L’architetto siracusano Vincenzo Latina premiato per il suo progetto di copertura per l’Arena di Verona

log in

Don't have an account?
sign up

reset password

Back to
log in

sign up

Captcha!
Back to
log in