La Sicilia, regno del Turismo enogastronomico


turismo-enogastronomico

turisti-mare-324x235La Sicilia è al secondo posto tra le regioni più ricercate dai turisti per la proposta enogastronomica. È quanto emerge dal primo rapporto sul turismo enogastronomico italiano realizzato dall’Università degli studi di Bergamo e della World Food Travel Association.

Lo studio ha il patrocinio di Touring ClubIsmea QualivitaFederculture e la collaborazione di Seminario Veronelli e The Fork- TripAdvisor.
“Questo lavoro – ha dichiarato al quotidiano La Sicilia Roberta Garibaldi che ha coordinato l’Osservatorio e promosso la ricerca – mette a fuoco un trend in forte ascesa. Risulta sempre più evidente come la gastronomia stia condizionando la scelta dei viaggi”.
La regione più desiderata dai turisti italiani è la Toscana, seguono Sicilia e Puglia.

Il turismo enogastronomico piace e cresce con trend deciso: un italiano su tre ha svolto almeno un viaggio motivato dall’enogastronomia negli ultimi tre anni. Già si era toccato il 21%, come rilevato dal Food Travel Monitor 2016. Ma ora i turisti enogastronomici salgono al 30%. Un dato che dichiara come l’enogastronomia sia passata da un ruolo “accessorio” a componente in grado di influenzare le scelte di viaggio.
Dallo studio, spiega ancora Roberta Garibaldi, è chiaro come la “gastromania” condizioni la scelta dei viaggi“Troviamo un rafforzamento su ogni fronte: ora gli italiani si muovono anche per cercare esperienze legate al cibo e al vino. Un atteggiamento sempre più simile a quello di molti stranieri”.

Chiude il rapporto una sezione con il profilo del turista enogastronomico italiano che la coordinatrice della ricerca ha così sintetizzato: “È un turista acculturato, con maggiore capacità e propensione alla spesa, che cerca nell’enogastronomia un’opportunità di conoscenza e contatto con la cultura di un territorio. Organizza il suo viaggio affidandosi al web, sia per raccogliere informazioni sia per prenotare le singole componenti del viaggio”. “Ma ha una propensione maggiore rispetto al turista generico – precisa – alla prenotazione attraverso intermediari. Si sente più coinvolto, vuole sperimentare l’enogastronomia a 360 gradi, affiancando spesso altre proposte attive. Preferisce percorsi misti, non monotematici: il turista del vino cerca anche ottime esperienze gastronomiche”.

Vedi anche: http://www.buonenotiziedallasicilia.tv/la-sicilia-le-mete-piu-gettonate-pasqua-2018/.

 


What's Your Reaction?
SARCASTICO! SARCASTICO!
0
SARCASTICO!
DELIZIOSO! DELIZIOSO!
0
DELIZIOSO!
LOVE!!! LOVE!!!
0
LOVE!!!
OMG!!! OMG!!!
0
OMG!!!
PAURA!!! PAURA!!!
0
PAURA!!!
LOL! LOL!
0
LOL!
FUNNY! FUNNY!
0
FUNNY!
WIN! WIN!
0
WIN!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

La Sicilia, regno del Turismo enogastronomico

log in

Don't have an account?
sign up

reset password

Back to
log in

sign up

Captcha!
Back to
log in