I fari storici della nostra isola diventano spazi culturali e per l’intrattenimento

I fari più famosi della Sicilia diventano protagonisti di una “rivoluzione turistica”:  saranno adibiti a hotel, ristoranti, musei. Fari ed edifici storici abbandonati torneranno a vivere.
Sono state aggiudicate 15 strutture in concessione fino a un massimo di 50 anni, attraverso le procedure di evidenza pubblica promosse dall’Agenzia del Demanio e da Difesa Servizi spa.
Otto fari sono in Sicilia: da Capo Zafferano a Pantelleria.
L’intera operazione comporterà un investimento privato di oltre 11 milioni di euro per riqualificare le strutture, con una ricaduta economica complessiva di quasi 40 milioni di euro e un conseguente risvolto occupazionale diretto di almeno 200 operatori. Lo Stato incasserà 8 milioni di euro per tutto il periodo di affidamento. I fari siciliani. 
Tra le strutture gestite dall’Agenzia del demanio, il Faro di Capo Zafferano, a Santa Flavia, appena fuori Palermo, grazie al progetto di Top Cucina Eventi S.r.l., diventerà una struttura multifunzionale con una bottega del gusto, un ristorante, tre suite e un museo del mare. Il Padiglione Punta del Pero a Siracusa, con gli interventi del Circolo Velico Magister ASD, diventerà un luogo chiave per conoscere la storia e le eccellenze locali del porto grande di Siracusa, mentre la Servizi Italia Soc. Coop. a r.l. renderà lo Stand Florio a Palermo, esempio di stile liberty mediterraneo e già luogo di ritrovo della nobiltà siciliana ai primi del Novecento, diverrà uno spazio per incontri, mostre temporanee, concerti all’aperto e cooking area. Per le strutture di Difesa Servizi Spa, il Faro di Punta Libeccio nell’isola di Marettimo verrà trasformato dalla società Mavi di Vincenzi Nadia & C. sas in una struttura con 8 suite in cui ospitare anche workshop di alta cucina e corsi di fotografia, il Faro di Punta Spadillo a Pantelleria se lo è aggiudicato la Hera Gestioni Alberghiere srl che lo farà diventare un “fishing lodge” con 6 camere e 2 suite. Sul versante orientale dell’isola invece il Faro di Capo Mulini ad Acireale è stato attribuito a D.G. & Partners srl che realizzerà 6 suite, la Giesse Costruzioni srl gestirà il Faro di Capo Milazzo trasformandolo in un piccolo hotel con 5 suite e infine il Faro di Capo Faro a S. Maria di Salina nelle Eolie aggiudicato da Capo Faro srl che diverrà un hotel de charme con annesso un piccolo museo. 
No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

code